Q96

74 commenti


    1. Grazie Antonio, volevo proprio avere informazioni precise!

      Rispondi

  1. Sembra che non se ne sia accorto nessuno, a parte te, Antonio, e Francesco Vertillo; le domande per il pensionamento scuola dal 1 Settembre 2018 SCADONO IL 20 DICEMBRE! Se qualcuno non lo avesse già fatto, si precipiti a controllare l’estratto conto contributivo (o informativo), perchè se manca qualche periodo, l’Ufficio Pensioni dell’USP non istruisce la pratica!

    Rispondi

  2. HO APPENA LETTO.. GRAZIE
    L’ESTRATTO CONTO CONTRIBUTIVO POSSO SCARICARLO ON LINE DALL’INPS?
    E COME FACCIO AD ESSERE CERTA CHE E’ CORRETTO? FORSE DOVREI FARMI AIUTARE DA UN SINDACATO?
    GRAZIE A TUTTI E FELICE DI RISENTIRVI

    Rispondi

  3. Grazie mille, come sempre sei sollecito nelle risposte

    Ma l’estratto conto contributivo , di cui parla Carla, devo prepararlo io o posso rivolgermi già ad un patronato per tutto?
    Sono in ansia. Abbiamo atteso molto e ora sono in confusione.

    Rispondi
    1. Antonio Busato

      Antonia, quando ho preso appuntamento per la domanda di pensione all’INPS ed ho chiesto quale documentazione portare, non mi hanno richiesto l’estratto conto contributivo.
      Non vorrei sbagliarmi ma l’INPS dovrebbe avere tutto, però dovremmo averlo ricevuto anche noi a casa tempo fa (sono quei fogli tutti attaccati con i buchi laterali 🙂 e, comunque, dovrebbe esserci in segreteria.
      Mi dispiace di non essere stato più preciso, confido nell’aiuto di qualche gentile collega.

      Rispondi

      1. Io me lo sono scaricato dal sito inps e oggi vado a confrontarlo in sindacato per essere sicura. Comunque anche un patronato o sindacato può farlo
        Ecco la procedura
        Le comunichiamo quanto segue:
        E’ possibile visualizzare estratto conto informativo attraverso il seguente percorso:
        http://www.inps.it / prestazioni e servizi / tutti i servizi / Filtrare la ricerca cliccando sulla lettera “G”/Gestione dipendenti pubblici: servizi per Lavoratori e Pensionati/autenticazione tramite CF e PIN/CNS/SPID /ordine alfabetico/ Posizione Assicurativa/estratto conto

        Rispondi

        1. Con quest’anno finisce il calvario per tutti?

          Rispondi

        2. Cara Laura, come ho già detto, meglio controllare che tutto sia a posto e non manche nessun periodo. Ho potuto constatare personalmente che l’estratto contributivo (informativo) che scarichi da casa è diverso da quello che ti danno all’INPS. Loro mi hanno parlato di anomalie del sistema, specie per gli anni tra il 95 e il 98! Ho dovuto produrre i certificati di servizio e il modello fiscale del 95, perchè nell’estratto mancavano 8 mesi. Comunque ho avuto la fortuna di trovare una gentile e competente signora che ha sanato le “anomalie”. Ieri ho inviato la domanda di pensione all’INPS, dopo aver fatto richiesta di cessazione dal servizio al Miur. Quest’ultima si può fare da casa accedendo al portale ISTANZE ON LINE. Però sti “deficienti” non ne volevano sapere di rigenerare il codice personale per l’inoltro! Ci hanno messo 4 giorni! Mi sento più tranquilla, dopo tanti malesseri legati allo stress da burocrazia, ma lo sarò veramente (forse) solo quando riceverò il decreto e l’accredito mensile. Chi si è scottato con l’acqua calda, ha paura anche della fredda.

          Rispondi

  4. Lo auguro a tutti i Q96 rimasti, Resistete!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  5. Cara Carla a me si è verificato quanto hai su scritto
    Scaricando ieri sera l’estratto contributivo ho verificato che mi mancano 8 mesi nell’anno 1995
    Allora ho chiesto la rettifica( sono in giro da stamani alla 8)
    La scuola mi ha risposto che a loro non compete
    L’ USP idem
    l’INPS, che devo stare serena perchè successivamente si faranno le verifiche e che se proprio sono in pensiero posso richiedere io la variazione della posizione assicurativa entrando sul sito dell’INPS.
    In serata , stanchissima, questo ho fatto, però non sono per niente serena.
    TI SPIACE RIPETERMI BENE L’ITER CHE HAI FATTO TU, PERCHE’ MI PARE CHE E’ STATA UNA GENTILE SIGNORA DELL’INPS A SANARE L’ANOMALIA.
    MA L’INPS IN CALABRIA E’ DIVERSA? PERCHE’ MI HANNO RIMANDATO INDIETRO. NON VORREI CHE L’ESPRESSIONE STAI SERENA FOSSE COME LA FRASE DI RENZI!!!!
    GRAZIE

    Rispondi

    1. Cra Antonia, se hai riscontrato queste “anomalie”, devi fare una richiesta di “variazione/rettifica posizione assicurativa”. La puoi fare o allo sportello INPS, o tramite il patronato. In questo second caso i tempi potrebbero allungarsi. In teoria non dovrebbero esserci problemi, in pratica non ne sono sicura, perchè penso che tutto dipenda dal passaggio INPDAP/INPS. Comunque, benchè i mesi mancanti si riferissero ad un periodo nel quale ero già in ruolo da dieci anni, mi è stato chiesto di produrre i documenti relativi a quell’anno (il 95), il più importante dei quali è il certificato di servizio. Il consiglio me lo ha dato l’USP, l’ufficio pensioni, che qui è molto diligente. Sono quindi tornata all’INPS, e ho fatto inserire i mesi che mancavano. Se guardi il blog di Franco Spirito ci sono tutti i passaggi che ho dovuto affrontare. C’è voluto un pò di tempo. Però penso che ci sia comunque il tempo per sanare la situazione. L’importante è risolvere il problema prima che l’INPS mandi la pratica all’USP, perchè questo si attiva solo quando è tutto a posto. Vai subito da un patronato serio, anche se non è quello del tuo sindacato. Fregatene degli scrupoli di lealtà. Auguri! Cerca di stare tranquilla.

      Rispondi

      1. E’ l’uff.pensioni Usp che manda pratica ad inps. Se i periodi vi risultano nell’estratto conto,o sono in lavorazione,se eravate di ruolo,non ci sono problemi.
        Se no verificate prima in provveditorato,inps lavora solo quello che gli passa l’usp.
        Verificate,per servizi non risultanti,anche in uff.ricostruzioni carriera usp. Ve lo dovrebbe dire lo stesso impiegato,se ce n’e’ la necessita’

        Rispondi

        1. No, Francesco, ti sbagli! E’ il contrario, almeno qui. Non è certo all’USP che abbiamo fatto domanda di pensione; abbiamo mandato la domanda di dimissioni al MIUR, quella di pensione all’INPS. Le cose comunque, cambiano di continuo, e non si può abbassare la guardia.

          Rispondi

          1. Mi riferivo a quel che devono fare gli enti

            Rispondi

  6. @ANtonia
    Ti incollo il mio post del 10 Novembre sul blog di Faspir:
    10 novembre 2017 alle 19:34
    Infatti! Io ho passato interi pomeriggi al patronato e all’inPS, anche senza sapere dell’assurda, incredibile, incostituzionale prescrizione! MALEDETTI BASTARDI! Da casa scaricate l’estratto conto contributo informativo, poi fatelo scaricare anche negli uffici INPS (saranno sicuramente diversi). Se dovessero mancare periodi, e ne mancano, perchè ci sono “anomalie nel sistema” specie per il 1995, i cui contributi non compaiono o compaiono solo in parte, dovete fare una “Richiesta variazione posizione assicurativa”. Anche se è assurdo,io ho dovuto far fare una ricerca negli archivi della scuola dove stavo in quegli anni, per dimostrare che, dopo dieci anni dal passaggio in ruolo, sempre nella stessa sede di servizio, la scuola (meglio, il Ministero) aveva versato i contributi, con statini, certificati di servizio, modelli fiscali, documenti della Direzione Provinciale del Tesoro…… Non fidatevi di chi vi dice, specie nei patronati e all’INPS, di stare tranquilli, che è tutto a posto anche se manca qualche periodo! NON E’ VERO! Io ho iniziato a settembre, e ho finito ieri alle 15,35, grazie a una gentile funzionaria dell’INPS, che ha sanato le irregolarità e anomalie del sistema, caricando TUTTI i periodi, riscattati, computati, ricongiunti, preruolo e ruolo. Alla fine il suo conteggio è identico al mio: a settembre 2018 io avrò 42 anni, 6 mesi e 14 gg di contributi accertati! Non ci dormivo la notte!

    Rispondi

    1. Grazie a tutti per le ulteriori precisazioni.

      Rispondi

  7. grazie Carla
    lunedì ritornerò all’inps e…. speriamo bene

    Rispondi

  8. Ciao a tutti carissimi.
    Se puo’ servire, condivido la mia esperienza.
    L’anno scorso mi sono rivolta per tempo al patronato che sapevo il più efficiente. Prima dell’uscita dell’ordinanza. Mi hanno fatto la domanda all’INPS (dopo aver controllato tutto). Alla pubblicazione dell’ordinanza ho chiesto loro di compilarmi anche la domanda su Istanze online. È semplicissima ma a me tremavano le mani e avevo paura di sbagliare. (Mi capite, vero?) Serve solo il codice.
    Poi ho consegnato copia alla Scuola.
    Due mesi dopo il Provveditorato mi ha chiesto tramite segreteria l’iban dove versare liquidazione (!!!).
    Non ci viene inviato alcun decreto. Tutto tace fino all’accreditamento dell’assegno il 1 settembre. Pare che comunichino solo se qualcosa non va.
    Un abbraccio a tutti. Stefania

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *